Peperoncino rosso piccante: la spezia che viaggiò dall’America all’Europa

Il peperoncino rosso piccante è un alimento molto salutare, che spesso manca nella nostra dieta. Ricco di vitamine e antiossidanti, ha la naturale capacità di bruciare i grassi. Il peperoncino rosso piccante appartiene alla famiglia delle Solanacee, la stessa di pomodori, patate e melanzane e fu portato in Europa da Cristoforo Colombo, dopo uno dei suoi viaggi dal Nuovo Mondo. Il peperoncino rosso piccante è infatti originario dell’America Centrale, in particolare del Messico, del Cile e del Perù.

Peperoncino rosso piccante: la spezia dei poveri

In realtà, nonostante le buone intenzioni di Cristoforo Colombo, di portare il peperoncino rosso piccante in Europa in sostituzione del pepe, al tempo molto costoso perché importato dal’Asia, questo non fu accolto con piacere dai regnanti tant’è che prese il nome di “spezia dei poveri”. Il suo sapore piccante infatti non piacque né ai ricchi, né ai nobili europei e nei primi libri di cucina italiana risalenti a metà del XIX secolo non vi è traccia di questa spezia e bisognerà aspettare gli inizi del Novecento per la sua affermazione gastronomica.

Utilizzo del peperoncino rosso piccante

La particolarità del frutto è la piccantezza, ed è proprio questa che rende il peperoncino una spezia ideale in cucina per condire e insaporire le nostre ricette. Sembra che il suo nome derivi dal greco “kapto” (mordere), con evidente riferimento al piccante che morde la lingua quando si mangia. Non a caso il peperoncino rosso piccante è definito anche come il fuoco che riscalda il piatto e che mette allegria, per questo e amato da tutti, senza particolari controindicazioni (anche se il consumo va moderato).

Proprietà del peperoncino rosso piccante

La piccantezza del peperoncino rosso piccante viene conferita dalla capsaicina, presente al suo interno che, oltre ad insaporire le nostre ricette, ha moltissime proprietà benefiche: è infatti un rimedio naturale in grado di stimolare e aumentare il flusso sanguigno, abbassare il colesterolo e attivare il metabolismo. Il peperoncino rosso piccante è inoltre molto ricco di principi attivi e quindi usato anche per contrastare l’artrite e i dolori muscolari. Infine, è ricchissimo di vitamina C. 100 grammi di questo frutto piccante ne contengono ben 229 milligrammi contro i 50 dell’arancia!

Altri usi del peperoncino piccante

In questi ultimi anni sono state messe in commercio bombolette, penne, accendini ed altri oggetti spray alla capsaicina, create come difesa personale soprattutto per le donne, per tener lontani i malintenzionati. In realtà quest’idea di usare il peperoncino come mezzo di difesa non è una novità, in quanto già gli Incas nelle loro battaglie, in condizioni di vento favorevole, bruciavano il peperoncino piccante sul campo di battaglia, per accecare temporaneamente i nemici e guadagnare tempo per organizzare la difesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *