Conchiglie al pesto di sedano

Ciao a tutti dalla vostra Marianna! Le conchiglie al pesto di sedano è una ricetta semplice, genuina e soprattutto inconsueta. Si conosce infatti il pesto tradizionale (quello genovese per intenderci), il pesto alla rucola (ricetta molto sfiziosa) ma il pesto al sedano non si trova così facilmente. Eppure è gustoso e soprattutto benefico. Sapete già che mi piace abbinare il gusto al benessere, e il sedano rientra a pieno titolo in questa categoria. È diuretico, svolge un’importante funzione depurativa, è di aiuto nelle patologie renali, contiene moltissime vitamine, contrasta il colesterolo e mille altre cose utili. Con i semi si prepara un infuso molto rilassante e che combatte lo stress.

Il sedano in cucina è buonissimo: ad esempio si mangia crudo in insalata abbinando sia le coste che le foglie alla lattuga; oppure, sempre crudo, si mangia con il formaggio spalmabile. Vi do una dritta: una valida e fresca insalata estiva si ottiene abbinando le coste e le foglie del sedano con i pomodori, il mais e le olive verdi… un filo d’olio e il gioco è fatto! Oppure potreste utilizzarlo per insaporire una zuppa o un bel minestrone! Non vi basta? Eccovi la ricetta di un ottimo pesto, che a differenza degli altri tipi può essere preparato anche in inverno. Ci sono mille varianti, questa è la nostra preparazione.

Conchiglie al pesto di sedano

Porzione: 4

Ingredienti

  • Linguine al pesto di sedano - Ingredienti
  • linguine o pasta del formato preferito 300 gr
  • foglie di sedano 80 gr
  • mandorle 20 gr
  • mandorle tostate 15
  • aglio 1 spicchio
  • parmigiano e/o pecorino 4 o 5 cucchiai
  • olio  evo q.b.
  • sale giusto un pizzico
  • pepe se gradito

Istruzioni

  1. Linguine al pesto di sedano - Preparazione
  2. Prendete il Sedano fresco con foglie grandi e verdi, lavatelo sotto l'acqua corrente, fatelo sgocciolare bene. Staccate le foglie e mettetele su un canovaccio pulito o su fogli di carta assorbente da cucina per farle asciugare. Intanto tagliuzzate l’aglio, grattugiate il formaggio, tritate le mandorle. Le mandorle devono essere tostate, se non lo sono, per tostarle basta metterle per qualche minuto in una padella antiaderente o nel forno caldo.
  3. Prendete tutti gli ingredienti, metteteli nel bicchiere di un mixer con l'aggiunta di un pizzico di sale grosso e frullate; quando gli ingredienti si saranno sminuzzati, aggiungete a filo l'olio evo e continuate a frullare fino a che non otterrete la consistenza desiderata. Il pesto di sedano non deve risultare né troppo liquido, né troppo denso, ma omogeneo e cremoso al punto giusto. Il pepe è facoltativo.
  4. Cuocete le conchiglie al dente e scolatele, avendo cura di conservare un po' di acqua di cottura, e conditele con il pesto di sedano, diluito in un mestolo dell'acqua di cottura. Prima di servire, aggiungete pecorino grattugiato e qualche mandorla tritata.
http://assaggidimondo.it/conchiglie-al-pesto-di-sedano/

Il pesto di sedano  può essere servito anche su fette di pane abbrustolito o su crostini di pane. Se ne fate un poco in più, può essere conservato in frigo per un paio di giorni o nel congelatore, in  modo di averlo pronto all’uso per qualche altra occasione.

Una curiosità: se state pianificando un viaggio in Piemonte, sappiate che la provincia di Alessandria è una delle zone di produzione del sedano più rinomate in Italia! Che ne direste di un piccolo assaggio di Piemonte? D’altronde, il mondo si assaggia anche a tavola!

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *